IT / EN

Le PMI come motore di sviluppo sociale

Pmi

Le imprese rappresentano il “fuoco dell’invenzione”. Con la loro capacità creativa sono produttrici di pubblico benessere e di progresso civile.

Quando è connessa allo spirito d’iniziativa e al senso di responsabilità, la creatività è la vera forza morale dell’impresa economica. L’imprenditorialità è la capacità di adoperare l’ingegno umano per inventare nuovi beni e nuovi servizi. Si tratta di un’attività razionale con un fondamento di natura etica che contribuisce all’edificazione di una società civile e genera valori condivisi.

A questo proposito, afferma Alberto Quadrio Curzio: «bisogna puntare sul tessuto non solo dei distretti ma soprattutto delle medie imprese, che rappresentano il vertice della capacità innovativa e dell’efficienza. Se, infatti, negli anni ’80 e ’90 abbiamo giustamente apprezzato il distretto, ora dovremmo prestare maggiore attenzione alle medie imprese che rappresentano il nerbo del nostro sistema Paese».

Sul suo blog del Sole 24 Ore, Gianfranco Fabi ribadisce: «Quanto alle piccole imprese sarebbe una sciagura se non si riconoscesse più la loro importanza non solo come fattore produttivo, ma come elemento fondamentale di quella motivazione alla crescita che è alla base di ogni progresso economico e sociale».

Per approfondimenti: Economia sociale di mercato e umanesimo d'impresa, di V. Negri Zamagni, A. Quadrio Curzio, M. Vitale, Piccola Biblioteca d’Impresa Inaz, 2012.