IT / EN

News

News, 13 Aprile 2018

Inaz su Datamanager: "La cultura del lavoro è la nostra bussola nella disruption"

intervista datamanager

La digitalizzazione ha rotto tanti equilibri nel mondo del lavoro. Se sia un male oppure un bene, se sia necessario fare un passo indietro oppure abbracciare senza condizioni il cambiamento, negli ultimi anni è diventato materia di riflessione soprattutto, ma non solo, per chi si occupa di amministrare e gestire il personale.
Linda Gilli, presidente e AD di Inaz, in un'intervista per Datamanager fa il punto su come possiamo affrontare la disruption facendola diventare un'opportunità di crescita.
Due i punti fermi, una flessibilità che non può essere fine a se stessa e la valorizzazione dell'intelligenza collaborativa.
Sempre seguendo la visione che da 70 anni guida Inaz: l'innovazione al servizio del bene comune.

Leggi l'articolo >>


 
News, 15 Gennaio 2020

Iscriviti al seminar CU 2020

Certificazione Unica 2020: la formazione di #InazAcademy arriva in 11 città italiane.

News, 14 Gennaio 2020

Abbonati all'Informatore Inaz 2020

Un servizio esclusivo che ti dà appuntamento ogni settimana: commenti e approfondimenti su temi di fisco, lavoro e previdenza.

Comunicati Stampa, Comunicati stampa completi, 19 Dicembre 2019

Aziende plastic free: Inaz dona bottiglie ecosostenibili ai dipendenti

Installati nella sede di Milano gli erogatori d’acqua che permetteranno a dipendenti e collaboratori di dire addio per sempre alle bottigliette di plastica. Materiali ecosostenibili anche per bicchieri e palette utilizzati dai distributori di bevande calde

Comunicati Stampa, Comunicati stampa completi, 28 Novembre 2019

Ricerca "Future of work and HR Tech 2020": tra smart working ed employer branding la prossima sfida delle risorse umane sarà la "data science"

Presentati al Rome Business Summit, nel corso della giornata dedicata a manager e professionisti del mondo HR, i risultati della 2° edizione della survey “Future of work and HR Tech 2020”. Sempre più riconosciuto il valore strategico del talent management, ma solo il 7% dichiara un uso “scientifico” dei dati di performance management e valutazione del potenziale