IT / EN

News

News, 01 Marzo 2018

Innovazione 4.0: finanziamenti alle aziende con il bando Fondimpresa

Innovazione

10 milioni di euro per sostenere le imprese che investono per realizzare o implementare l'innovazione dentro le "fabbriche" attraverso la formazione mirata a realizzare un miglioramento strutturale dell'azienda, attraverso innovazioni tecnologiche, di processo o di prodotto. C'è tempo fino al 16 giugno per partecipare all'ultimo bando di Fondimpresa, il il fondo per la formazione continua di Confindustria, dedicato a finanziamenti ad hoc per agevolare l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, mantenere un'occupazione qualificata per i cosiddetti lavoratori maturi, riconvertire le professionalità di chi esce dal mercato.
Focus sul digitale e sull'industria 4.0 per questo specifico bando, grazie al quale si può accedere a un finanziamento (per singolo piano formativo) che va da un minimo di 50mila, a un massimo di 250mila euro. Per saperne di più: www.fondimpresa.it




 
News, 17 Aprile 2018

La soluzione HR per il fashion

In tutti i luoghi di lavoro le persone fanno la differenza, ma questo è ancora più vero nei punti vendita: qui gestire bene i dipendenti vuol dire offrire una customer experience eccellente.

News, 13 Aprile 2018

Inaz su Datamanager: "La cultura del lavoro è la nostra bussola nella disruption"

Flessibilità, ma mai fine a se stessa. Intelligenza collaborativa. Innovazione al servizio del bene comune. Sono i punti fermi che ci faranno crescere attraverso la trasformazione digitale: parola di Linda Gilli su Datamanager.

News, 11 Aprile 2018

Cosa vuol dire INAZ?

È la domanda che ci fanno sempre i nuovi dipendenti quando entrano a far parte della nostra famiglia, i potenziali clienti che i nostri agenti incontrano ogni giorno, e in generale tutti coloro che ci conoscono per la prima volta: "INAZ sta per...?".

News, 09 Aprile 2018

Ivrea città industriale del XX secolo punta a diventare patrimonio dell'Umanità

La città di Ivrea si avvicina a diventare Patrimonio Unesco. Le architetture di Adriano Olivetti, realizzate fra gli anni 30 e 60 del Novecento, ambiscono a diventare patrimonio dell'umanità non solo per il loro valore estetico e architettonico, ma anche e soprattutto per l'idea che la città olivettiana incarna: un luogo dove il mondo del lavoro è incentrato sulla persona.