IT / EN

News

Comunicati Stampa, Comunicati stampa completi, 01 Marzo 2016

Inaz premia i migliori rappresentanti del 2015

L'agente dell'anno è di Firenze, obiettivi centrati in tutta Italia 

Coccioni Paolo

L’azienda di Milano, una delle realtà più importanti del settore software e servizi per la gestione delle risorse umane, ha premiato Paolo Coccioni, responsabile della filiale del capoluogo toscano. Crescono i clienti di grandi dimensioni e si conferma il trend dei servizi in outsourcing per amministrare il personale 

Inaz fa registrare in tutta Italia, da Nord a Sud, ottime performance nella vendita dei prodotti e servizi per l’amministrazione e la gestione delle risorse umane. L’azienda ha assegnato le targhe oro ai 27 rappresentanti della rete Inaz che hanno centrato il target dell’anno, mentre Linda Gilli, presidente dell’azienda, ha incoronato come autore della Best Performance 2015 l’agente Paolo Coccioni, responsabile della filiale di Firenze.

Sotto la guida di Paolo Coccioni il fatturato dell’agenzia Inaz di Firenzeè cresciuto del 5% rispetto al 2015. Numeri importanti, che non arrivano per caso. «Il fatturato dell’agenzia non è l’unico criterio in base al quale assegniamo il titolo di agente dell’anno -spiega Linda Gilli, presidente e amministratrice delegata di Inaz- così come non basta aver fatto registrare una crescita costante nell’ultimo triennio, né aver venduto un mix di prodotti e servizi a clienti grandi e piccoli. L’agente dell’anno di Inaz deve rappresentare i valori e la missione dell’azienda, collaborare in modo efficiente con l’organizzazione e i punti assistenza tecnica e operare , nel suo territorio, mettendo al centro l’attenzione al cliente e la qualità del lavoro».

L’agenzia Inaz di Firenze guidata da Paolo Coccioni è molto radicata nel territorio. Il team, composto da sei persone tra figure commerciali e esperti dell’assistenza tecnica, gestisce piccole aziende come realtà che contano migliaia di dipendenti. «La nostra forza sta nella gamma di prodotti e servizi e nella flessibilità che ci permette di confrontarci con moltissime realtà diverse, tra le quali contiamo anche alcune eccellenze della moda, vino, logistica e serviziche caratterizzano il nostro territorio –spiega Coccioni–. Sono aziende che investono in tecnologia per rendere più efficiente l’organizzazione delle risorse umane e fra le quali registriamo una crescente richiesta di servizi in outsourcing».

Oltre a Paolo Coccioni, un terzo della forza vendita di Inaz, dislocata in tutta Italia,è stato insignito della targa oro per il raggiungimento degli obiettivi assegnati per l’anno. Le premiazioni hanno coinvolto anche i commerciali di sede che hanno il compito di seguire i clienti non su base territoriale, ma dedicandosi a importanti progetti destinati a un segmento di mercato grandi aziende. Si conferma in crescita anche il trend dell’outsourcing, che Inaz declina in diversi livelli di servizio elaborando mensilmente cedolini paga per migliaia di dipendenti in tutta Italia.

Scarica il pdf

 
News, 24 Febbraio 2017

Contribuzione sindacale straordinaria: termini e condizioni

A seguito dell'Accordo 26 novembre 2016, di rinnovo del Ccnl per l'industria metalmeccanica e dell'installazione d'impianti, sono stati stabiliti termini e condizioni per la raccolta del contributo...

News, 21 Febbraio 2017

Lavoro e risorse umane: Inaz presenta i corsi 2017

Anche quest'anno Inaz presenta una ricchissima offerta formativa su tutti gli argomenti più caldi in ambito lavoro, fisco e previdenza.

News, 17 Febbraio 2017

Antiriciclaggio e amministrazione del personale

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro chiede formalmente di mantenere anche nella nuova normativa l’esclusione degli adempimenti in materia di amministrazione del personale dalla disciplina in materia di antiriciclaggio.

News, 15 Febbraio 2017

Recuperare il valore del lavoro

Recuperare il valore del lavoro: per il 2017 deve essere un imperativo. Ci siamo concentrati proprio su questo per celebrare i 10 anni della Piccola Biblioteca d'Impresa Inaz, perché è da questa esigenza che ha preso le mosse il nostro impegno in ambito divulgativo e culturale.